Marcia per la Vita 2012 - Milizia dell'Immacolata Zona Bagheria

Vai ai contenuti

Marcia per la Vita 2012

Marcia per la Vita

L’OPINIONE DI … Diego Torre*1. Marcia per la Vita, a Palermo come a Berlino, Dublino, Bucarest, Budapest, Bruxelles, Washington e San Francisco, Aia, Parigi

Anche quest'anno a Palermo, nonostante l’inclemenza del tempo, il 4 febbraio si è tenuta la consueta Marcia per la vita. Ormai da anni in questa ricorrenza parecchi uomini di buona volontà si incontrano, per offrire la loro testimonianza a favore del più importante valore non negoziabile che è la vita. E le presenze aumentano ancora; questa volta si sono contate duemila persone.Il corteo è partito alle 16.30, da Piazza Croci per raggiungere, il suggestivo teatro Massimo. La Marcia ha quindi percorso il cuore della città, in una fascia oraria in cui parecchia gente passeggiava, ed, incuriosita, chiedeva i volantini che riguardavano l'evento.I partecipanti alla Marcia appartenevano a 46 sigle associative, di cui 4, per la prima volta, provenienti dal mondo delle chiese evangeliche; un’altra era la parrocchia ortodossa di Palermo. Inoltre, sono intervenuti 7 sacerdoti e 3 pastori evangelici.Non sono mancate neanche le rappresentanze politiche; infatti, hanno partecipato: un parlamentare, il Presidente del Consiglio Provinciale di Palermo ed alcuni consiglieri comunali. Altri hanno mandato messaggi di solidarietà.

Un'altra nota rilevante è che quest'anno sono intervenute 5 emittenti radiotelevisive e le due maggiori testate di carta stampata dell'isola.


La marcia è stata aperta da neonati in passeggino e relativi genitori a cui seguivano dei bimbetti che reggevano il primo striscione: sono stati l’avanguardia e la bandiera della manifestazione! Poi lo striscione del Forum, gli studenti per la vita, gli scout, i gonfaloni di comune e provincia, le autorità ecclesiastiche e politiche, e infine il lungo serpentone delle associazioni precedute dagli rispettivi striscioni e agitanti le proprie bandiere.
. Ad un prima succedersi di slogan alternati a “riflessioni” sul tema, è poi seguito uno splendido disordine in cui ogni gruppo, in preda all’entusiasmo, ha preso a pregare, cantare, danzare e gridare. Una ordinata e gioiosa babele che ha stupito un po’ tutti e che ha visto il suo clou all’arrivo in piazza Verdi, dove da un camion sono state ascoltati due “testimoni per la vita”. Infine fra canti e danze ci si è dati appuntamento all’anno prossimo. Fuori dal programma ufficiale, al termine della Marcia si è celebrata l'Eucaristia nella chiesa di Sant'Ignazio all'Olivella, ospitati dai figli di San Filippo Neri.Palermo, con la sua Marcia per la vita, si situa in un complessivo movimento mondiale di “marce”, come quelle di Berlino, Dublino, Bucarest, Budapest, Bruxelles, Washington e San Francisco, Aia, Parigi e le 80 che sino al 2011 si sono tenute sparse per la Spagna. Non paghi del risultato ottenuto, si è cominciato a lavorare per organizzare al meglio la marcia del 2013. * Delegato Forum vita famiglia educazione


Torna ai contenuti