Misteri del dolore - Milizia dell'Immacolata Zona Bagheria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Misteri del dolore

Santo Rosario

1 MISTERO DEL DOLORE
“Ci ha donato tutto” (2 Pt 1,3).
“In ogni cosa, poi, non dimentichiamo di ripetere con Gesù nell'orto degli ulivi: “Sia fatta non la mia, ma la tua volontà” [Lc 22,42]. E se, come avvenne nell'orto degli ulivi, Dio riterrà opportuno non mandare ad effetto la nostra richiesta e inviarci un calice da bere fino all'ultima goccia, non dimentichiamo che Gesù non solo ha sofferto, ma poi è altresì risorto gloriosamente. Ricordiamoci, inoltre, che noi siamo protesi verso la risurrezione anche attraverso la sofferenza”.

2 MISTERO DEL DOLORE
“Tutto posso in colui che mi dà forza” (Fil 4,13).
“Quando poi ci imbattiamo in una difficoltà che non siamo in grado di superare, oppure qualche tentazione incomincia a tormentarci con insistenza, non perdiamoci d'animo, ma rivolgiamoci sempre a Lei con piena fiducia come i figli alla madre ed Ella ci infonderà la luce e la forza necessarie, ci stringerà al cuore e addolcirà le più grandi amarezze. Non esiste al mondo un angoletto privo di croci; del resto, se queste non ci fossero, non avremmo nemmeno la possibilità di guadagnarci il paradiso. Perciò, non sfuggiamo troppo la croce, ma se è necessario prenderla sulle spalle, portiamola di buon grado per amore verso l'Immacolata” SK 751.

3 MISTERO DEL DOLORE

Gli insulti di coloro che ti insultano sono caduti sopra di me” (Salmo 69,10).
“Io pure ho paura delle sofferenze e soprattutto delle umiliazioni, ma mi rassereno pensando che nemmeno Gesù nell'orto degli ulivi volle provare un sentimento diverso. Le grazie giungono al momento in cui ne abbiamo bisogno” SK 373.

4 MISTERO DEL DOLORE

“Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale... spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo” (Fil 2,5).
“Stupenda quella via, la vera via regale (cioè quella della croce) che porta direttamente al cielo. L'amore si infiamma sempre più camminando dietro queste spine. Prega affinché neppure io rimanga indietro” SK 42.


5 MISTERO DEL DOLORE

“Tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo” (Fil 3,8). “Per attirare le anime e trasformarle in se mediante l'amore, Cristo ha manifestato il proprio amore illimitato, il proprio Cuore infiammato d'amore per le anime, un amore che lo ha spinto a salire sulla croce, a rimanere con noi nell'Eucaristia e ad entrare nelle nostre anime e a lasciarci in testamento la propria Madre come madre nostra”
(Immagini provenienti dal Santuario B. Vergine del Rosario Fontanellato PR)
 

(I testi dei misteri tratti dal  libro: “Preghiamo con S. Massimiliano Kolbe”, Edizioni dell’Immacolata)
 
Torna ai contenuti | Torna al menu