Scheda 51 - Milizia dell'Immacolata Zona Bagheria

Vai ai contenuti

Menu principale:


SK 51 - A fr. Alfonso Kolbe, Cracovia Zakopane, 27 X 1920

S.l.G.C.   Caro Fratello! Non ero ancora a conoscenza della composizione della presidenza della M.I. dei chierici ed anche del fatto che pure p. Floriano è membro della associazione.  Comunque, nemmeno ora conosco i membri della M.I. dei chierici 1.  Del resto, non sono obbligato a tenermi informato su nessuna di queste novità. Dato che i romani hanno stampato le pagelline d'iscrizione in italiano, certamente queste saranno utili anche per i laici. Per i chierici, tanto qui come in Italia, è più difficile (quasi impossibile) agire fuori della propria cerchia, in mezzo ai laici.  Questo apostolato è più accessibile ai sacerdoti.  Perciò, mi sembra che in Italia, non tanto gli alunni del collegio quanto piuttosto due o tre sacerdoti della M.I. potrebbero agire più facilmente tra i laici.  Senza dubbio, dopo le ordinazioni, dopo le prime destinazioni, potranno agire in maniera più considerevole quelli che a tale scopo si sono ben preparati durante il periodo del chiericato.  Mi sembra che la stessa cosa avverrà anche da noi.  Non c'è, quindi, da meravigliarsi se (come scrivi) non si riesce ad attirare qualcuno dal di fuori. E poiché ciò non è la “conditio sine qua non apostolatus”, non si possono incolpare i confratelli se non se ne occupano. Il testo della benedizione del vescovo Teodorowicz è completo 2.  Può darsi, tuttavia, che quel foglio fosse accompagnato da una lettera (che don Adamo Bogdanowicz non mi ha mandato).  Anch'io ho avuto la stessa impressione. Quanto a me, sto sempre meglio, solo che le malattie polmonari sono sempre di lunga durata. L'intelletto è al di sopra dei sensi e la fede al di sopra dell'intelletto, benché essa sia “rationabile obsequium, quoad evidentiam extrinsecam, non autem intrinsecam” 3. E quanto meno l'intelletto vede la “evidentiam intrinsecam” e tuttavia segue la fede, tanto maggiore è la gloria che rende a Dio, riconoscendo la sua infinita sapienza, bontà e potenza. La perfezione consiste nell'amore di Dio, nell'unione con Lui, nella nostra divinizzazione.  L'amore si manifesta mediante l'attuazione della Volontà di Dio, che a noi si rivela per mezzo della volontà dei superiori, qualora questa non sia apertamente e con sicurezza contraria alla legge di Dio (in modo esplicito o implicito) - in realtà, esiste anche una subordinazione di leggi e di superiori. L'angelo custode disse a Gemma che la via più breve e più autentica per giungere al cielo è l'obbedienza 4. Il rimettersi alla Volontà di Dio e la sua attuazione, specialmente in ciò che è contrario ai sensi e persino ad un intelletto limitato e fallibile, infiamma sempre più l'amore verso Dio.  La croce è scuola di amore. Termino con l'augurio che l'Immacolata non risparmi le croci alla sua “Milizia” e a ciascuno dei membri per causa di essa; solo così, infatti, si purificano le intenzioni, sicché non si aderisca ad essa né in essa si lavori per propria esibizione o per compiacenza interiore, ma unicamente per puro amore (come in “Błogosławieni” 5). Con sforzo comune i membri procurino di conoscere bene le odierne correnti antireligiose, i fondamenti della fede, il socialismo, il bolscevismo, la massoneria, il protestantesimo, ecc. e imparino ad agire contro di essi. Ti chiedo una preghiera. Tuo fratello  fr. Massimiliano    Non capisco cosa voglia significare il termine “fantasie” 6, però credo che la M.I. si debba mantenere su una strada difficile e dura, ma vantaggiosa, nello sforzo di conoscere gli errori, i pregiudizi antireligiosi - oggi così largamente disseminati - la loro natura, le conseguenze deleterie, i metodi di propa
ganda, i loro rappresentanti e come contrattacarli, come salvare tante anime che si perdono; e non si trasformi in un'associazione letteraria o artistica, perché fallirebbe lo scopo.  Il periodo del chiericato è breve e la materia da apprendere è abbondante, occorre quindi utilizzare bene il tempo. Per esperienza personale so che non è lo stesso imparare qualche cosa per la scuola ed essere preparati ad esporre un problema in modo convincente ad ogni persona, di qualunque ceto sociale. Perciò, che Iddio non permetta che un membro della M.I., trovandosi in qualsiasi luogo, in società o in treno, possa sbarazzarsi di qualche obiezione contro la religione solamente con una risposta evasiva, e così indebolire la fede degli ascoltatori.  E casi simili sono accaduti e proprio tra i sacerdoti.     
Nota 51.1 Essi erano: fr. Bonaventura Podhorodecki (presidente), fr. Alfonso Kolbe (segretario), fr. Valentino Skurzak, fr. Giuseppe Wyrostek, fr. Giuliano Mirochna, fr. Giustino Nazim e fr. Cristoforo Gorecki.  
Nota 51.2 P. Alfonso, nella lettera del 25 X 1920 a p. Massimiliano, scriveva: “Ho dimenticato di ricordarti che, della benedizione dell'arcivescovo Teodorowicz alla M.I., ci hai mandato soltanto la parte finale, quindi, forse per disattenzione, devi aver staccato l'inizio credendo che fosse un foglio pulito. Se non lo avessi ancora usato guarda per favore - se non vi sia l'inizio di quella benedizione” .
 
Nota 51.3 Ossequio della ragione per ci che riguarda l'evidenza esteriore, non già quella interna.  
Nota 51.4 P. Germano di S. STANISLAO, passionista, Biografia della Serva di Dio Gemma Galgani Vergine lucchese, VI ediz., Roma 1910, pp. 177-178.  
Nota 51.5 Cf. SK 48, nota 1.  
Nota 51.6 Nella lettera di fr. Alfonso a p. Massimiliano in data 25 X 1920 si trova questo brano: “Durante queste ultime riunioni straordinarie oltre alle conferenze, alle declamazioni di propria composizione o di qualche poeta, di contenuto confacente alla solennità, e al canto, hanno o avranno luogo discorsi, dialoghi e perfino fantasie”.


Torna ai contenuti | Torna al menu