Un traguardo per un nuovo inizio: la Consacrazione - Milizia dell'Immacolata Zona Bagheria

Vai ai contenuti

Un traguardo per un nuovo inizio: la Consacrazione

Nell’ambito delle celebrazioni giubilari dell’anno mariano 2014 della Parrocchia Maria SS. Immacolata , il 9 marzo rappresenta al contempo una pietra miliare nella vita della comunità, con la prima consacrazione dei militi dell’Immacolata e uno spartiacque nella vita intima delle consacrate tra l’agire del tempo trascorso e quello dei giorni a venire!!!
Indiscutibilmente ancora dopo duemila anni  l’Immacolata riesce a tracciare un itinerario di vita spirituale, per il credente che vuole incamminarsi lungo una via di santificazione esaltante e concreta. Maria nel suo farsi strumento di Dio, nel lasciarsi condurre volontariamente da Dio è stata antesignana  di salvezza. Solo guardando a Lei possiamo pienamente sperimentare cosa voglia dire essere per un altro, essere in relazione, essere come dono e come dono totale. Maria, la piena di grazia, è maestra  nell’insegnarci che l’opera di santificazione personale e  comunitaria non può prescindere dalla disponibilità ad accogliere il progetto divino
 "Nessun'altra creatura, infatti, è o sarà né immacolata né piena di grazia, e perciò non è idonea a che "il Signore sia con lei" [cf. Lc 1, 28] in un modo così stretto come lo è con la Vergine Immacolata. E come il primogenito, l'Uomo-Dio, non fu concepito che in seguito all'esplicito consenso della Vergine celeste, così pure, e non altrimenti, avviene con le altre creature umane, le quali debbono imitare in ogni cosa e accuratamente il loro Prototipo".
Quale miglior trait d’union tra l’Altissimo e le sue creature se non l’Immacolata!
Solo per suo tramite noi piccolissime militi avremo la possibilità di ascendere verso l’Altissimo in modo perfetto e divino, senza nulla temere e inoltre convergendo la nostra volontà nella sua avremo certamente
l’opportunità di comprendere con la preghiera, la meditazione e l’agire il nostro stare con Gesù  ponendoci nella condizione di nutrire una sempre più grande fiducia in Lui.
Rinsaldate da questa certezza, dopo mesi di cammino spirituale, finalmente giunge per noi consacrande il momento tanto atteso e agognato quello del dono totale della nostra vita nelle mani immacolate di Maria, consapevoli che la nostra comunione di vita con lei e l’apertura incondizionata della nostra vita a lei  d’ora in avanti devono plasmare le nostre esistenze ….
E con la gioia negli occhi e la fermezza di abbandonarci a Maria ci addentriamo nel mistero della Santa Messa, certe, alla maniera di Massimiliano Kolbe, che Dio può compiere in noi miracoli di grazia così come ha compiuto grandi cose nella vita della Vergine . Rinsaldate dall’ascolto della Parola che addita Maria come re-novella Eva ci avviamo al momento culminante della celebrazione: la consacrazione. E mentre i nostri nomi, scanditi dalla presidente, davanti ai Padri officianti risuonano nel silenzio assorto dell’ assemblea orante, ci disponiamo attorno al sacro altare sotto lo sguardo protettivo dell’unico ideale della nostra vita, l’Immacolata , per permettere che Ella prenda possesso del nostro cuore e di tutto il nostro essere, che Ella viva e operi in noi e per mezzo nostro, che Ella stessa ami Dio con il nostro cuore, dato che noi apparteniamo a Lei senza alcuna restrizione.
Ormai  all’unisono si innalza il nostro coro di voci raggiungendo l’acme nell’essenza di queste  scandite parole "Ti prego  di volermi accettare tutto e completamente come cose e proprietà tua, e di fare ciò che ti piace di me e di tutte le facoltà della mia anima e del mio corpo, di tutta la mia vita, morte ed eternità", mentre la medaglia miracolosa al petto suggella la nostra totale appartenenza a Lei. Come linfa vitale la presenza di Maria ormai si è impadronita del nostro essere mentre la palpabile gioia che si irradia dalle consacrate alla coinvolta ecclesia si scioglie in un applauso scrosciante.
Come strumenti nelle sue mani  torniamo al posto, sicure, che Ella saprà agire per mezzo nostro negli altri.
Con il mondo all’orizzonte, già pronte per ogni avventura ovunque  e comunque … affinché ogni cuore che batte palpiti per Lei.


W l’Immacolata                                                                           

                                                                                            Concetta Sorci

Torna ai contenuti